Mr Dust

Non bisogna parlare male di nessuno, nemmeno pensarne male, ma soprattutto mai scriverne male.

Ai tempi di Londra, c’era un signore molto facoltoso e distinto che dava la morte a me e ai miei colleghi. L’avevamo soprannominato Mr Dust, perché aveva il dono di frantumarti le palle a polvere fine. Pignolo e arrogante, ci inchinavamo tutti per accontentare le sue richieste, dalla visita medica fino alla farmacia. Prendeva solo compresse per la pressione di una particolare marca e specifica scadenza. Non sempre era facile reperire ciò che desiderava, quando lo desiderava. Venne preparato il suo pacchetto e lasciai scritta una nota per il collega: “Questo è il pacco per Mr Dust, ha attaccato la solita solfa per avere la pastiglia nella confezione azzurra. Digli che la casa farmaceutica ha variato il colore dei nuovi lotti in verde. Gli verrà il solito attacco isterico da ciclo mestruale, tu rassicuralo con garbo ma fermezza, compatiamo la povera donna che lo ha sposato!”

La nota rimase sbadatamente attaccata al pacco che Mr Dust portò a casa ed ebbe tutto il tempo di leggere e rileggere e fargli salire la pressione alle stelle. Non ha mai chiesto chi l’avesse scritta ma da quel giorno i suoi cicli mestruali cessarono.

Annunci

Donne di domani

La piccola Rosa ha solo 4 anni e abita nello stesso palazzo di sua nonna e sua zia, novella sposa. Passa spesso i pomeriggi da lei, quando sua madre ha qualche impegno. Intelligente e vispa come solo le femminucce sanno essere, un giorno entra nel bagno, dove suo zio sta per farsi una doccia. Imbarazzato lui chiama la giovane sposa e le chiede di portare via la bambina. Quest’ultima, infastidita da tanta timidezza, esclama:”Uè bellò, che a me papà il pisello me lo fa vedere sa!”.

Churchill

Durante una cena a Londra, il signor Churchill ubriaco, chiacchierando con la sua vicina di posto, le chiese:

-Se le dessi un milione madame, verrebbe a letto con me?

-Si certo signor Churchill

-Se le dessi un pound madame, verrebbe lo stesso a letto con me?

-Ma signor Churchill cosa pensa che io sia?

-Madame, abbiamo già stabilito cosa lei sia, stiamo solo contrattando il prezzo

Ho letto

Quando Gandhi studiava diritto all’università di Londra aveva un professore, Mr Peters, che mal lo sopportava. Gandhi però non era uno che si faceva intimidire. Un giorno il professore stava mangiando nel refettorio e Gandhi gli si sedette accanto. Il professore disse:

“Signor Gandhi, lei sa che un maiale e un uccello non possono mangiare insieme?”

“Va bene Mr Peters, sto volando via” rispose Gandhi, che andò a sedersi ad un altro tavolo.

Il professore, profondamente infastidito, decise di vendicarsi all’ esame successivo, ma Gandhi rispose brillantemente a tutte le domande. Mr Peters allora gli chiese:

“Signor Gandhi, immagini di stare per strada e di notare una borsa, la apre e vi trova la saggezza e molto denaro. Quale delle due cose tiene per sé?”

“Certamente il denaro, professore”

“Ah, io invece al posto suo avrei scelto la saggezza”

“Lei ha ragione Mr Peters, in fondo ciascuno sceglie quel che non ha!”

Il professore, infuriato, scrisse sul libretto la parola IDIOTA e lo cacciò via. Gandhi lesse il risultato della prova e tornò subito indietro.

“Professore, lei ha firmato l’esame ma si è dimenticato di mettere il voto!”

L’amore ai tempi della pezza

In alcune parti del Meridione l’organo riproduttivo maschile viene chiamato pizza. Questa informazione è necessaria per capire quanto successe nei primi anni del ‘900 in un paese del sud. Si racconta di una giovane ragazza che stava poco bene da tempo. Sua madre la portò dal medico condotto che era originario del Veneto. Questi disse che la giovane era incinta. Enorme fu lo stupore della madre, convinta come era della illibatezza di sua figlia. La donna non si dava pace su come ciò fosse potuto accadere. Suggerì al dottore che la colpa fosse stata della pezzuola, usata da tutti in famiglia, inclusi gli uomini, per pulirsi dopo il gabinetto. La pezza appunto. Il dottore spazientito le rispose in dialetto veneto: “Orcocàn Sióra, chi nò è question de pèza, è question de pizza!”.

Sputo, scopino e pennello

La mia esperienza con le signore di servizio ha avuto fortune alterne.Quando avevo circa 2 anni, in casa ci aiutava Erminia. Il suo compito era badare a me e rassettare la casa quando mamma non c’era. In quel periodo si dovette fare dei lavori di intonaco, così si chiamò Giovanni il pittore. I due, con me piccina, passavano la mattinata da soli in casa. Tempo dopo, a gesti e suoni gutturali, feci capire a mamma che Erminia “tirava” la barba di Giovanni e a lui ridendo scappava di mano il “pennello”… Cuore di mamma licenzio’ entrambi in tronco e mi iscrisse all’asilo.

Diversi anni dopo, durante il mio soggiorno a Firenze, fu la volta di Viorika. Trovai il suo annuncio sul giornale locale. Mai vista prima e pagata a nero, iniziò a lavorare per me e per il mio compagno di allora, un ufficiale ligio alle regole che odiava l’evasione fiscale. Fissato con la sua uniforme, desiderava le camicie stirate a puntino, spalline per i tubolari e taschini lisciati a perfezione. Un giorno incredulo mi chiamò al lavoro per dirmi l’accaduto. Era rientrato a casa prima del previsto per un fuggifuggi al bagno. Nemmeno la potenza della diarrea e i calzoni abbassati poterono impedirgli di fermarsi a vedere la scena. Viorika era li che stirava le pregiate camicie e per inumidirle si aiutava con un bicchiere d’acqua che beveva e a mo’ di spruzzino sputava sulla stoffa. Diceva che era usanza di Romania e tuuutte donne fare così. 

A Londra non andò meglio. Si alternarono Giusele e Rocio, entrambe brasileiras. 

La prima mi dette un colpo al cuore quando la trovai a lavare lo scopino del wc nel lavandino dei piatti.

Rocio invece utilizzava la cucina per cose diverse. Rientrando da lavoro ad un orario insolito, la trovai piegata sui fornelli, mentre un tipo dietro di lei evidentemente le accendeva la fiamma. Corse via gridando vergüenza! vergüenza! Non l’ho mai più vista. 

Bianco rosso e verdone

Toni era un ragazzo in carne. Due cosce solide sulle quali si ergevano imponenti chiappe. Su di queste un giorno apparve un enorme brufolo, rosso e gonfio. Era in realtà una cisti sebacea, un groviglio di peli e sebo, vicino alla linea che delimita le natiche. La cisti venne incisa più volte per farla spurgare, ma niente, andava rimossa. A nulla valsero le medicazioni della giovane e santa fidanzata. Toni trovó un eminente dottore al capo opposto d’Italia per farsi operare e partí con la sua lei. Le natiche vennero deterse, rase, e si poté ammirare pure qualche buchino di cellulite. La parte mirabile di questo racconto fu il viaggio di ritorno a casa. Il dottore ritenne opportuno non suturare la ferita, anzi volle tenerla aperta con della garza. Il papà di Toni dovette quindi andar a prendere il figlio dolorante in macchina. Il paziente venne sistemato prono, sul sedile del passeggero anteriore reclinato, con i cuscini sotto il pelvi, per mantenere il culo a poppa. La fidanzata seduta dietro, gli teneva la mano per sostenerlo nel dolore. 1000km in autostrada viaggiando così, tra i lamenti di Toni, le garze imbibite di mercurocromo, i tir che smanettavano di clacson e gli automobilisti in sorpasso sganasciati dalle risate, che manco gli emigranti dalla Germania! Quella (ex)fidanzata ero io…