Perso nella traduzione

Quando si dice Troia le persone garbate pensano subito al cavallo e alla storia di Ulisse. Recenti studi hanno ipotizzato una erronea traduzione della parola Hippos, che non sarebbe quindi un cavallo ma un tipo di imbarcazione da carico fenicia. La sostanza della storia cambia di poco, sempre di inganno si tratta per i troiani. La spettacolarità della stessa perde invece scenografia, e un po’ ingannati si sentono i miei studi classici.

Annunci

30 risposte a "Perso nella traduzione"

  1. Parbleu, quindi non possiamo più dire “cavallo di Troia” ma “tipo di imbarcazione da carico fenicia di Troia”… uhmmm, il pathos si smoscia e addio surprise!
    My beloved Almost, mi scardini le certezze della vie, badass che non sei altro:***

    Piace a 1 persona

  2. Ciò che si sedimenta nel tempo assume più
    v alore di una verità filologica tutta da v erificare…dunque teniamoci il “cav allo di Troia”… e la sua pancia d’inganno…magari fra un po’ sapremo che la mela era un melograno e il serpente un’iguana…e allora? 😀

    Piace a 1 persona

  3. Si, dissero anche a me questa cosa. Ma per la stima del complesso di Achille avrei voluto subito dimenticare, ma è ovvio che no. Achille lottò così tanto per rimanere impresso con le sue gesta nei secoli. Pensa, a distanza di tanti anni, scoprire che il pelide in realtà fu complice di una storia di ingegneria e non di ingegno. Tremendo.

    Piace a 1 persona

Rispondi a kutukamus Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...