Per la mia Natasha

Mamma mia, che gioia! La piccola Natasha è venuta da me oggi. “Ti ricordi di me?” mi ha chiesto. Come avrei potuto mai dimenticarla. Ha 10 anni, la più piccola creatura che conosca a soffrire di anoressia. Non riusciva ad ingoiare più. Le faceva male al petto, come un senso di oppressione, diceva. Oggi mi è corsa incontro, si è abbassata la salopette di jeans, “Guardami! Toccami la pancia, hai visto come è cresciuta?!”. Tesoro mio bello, potevo ancora contare le tue costole, ma ci ho accarezzato tanta speranza sopra. 

Annunci

21 thoughts on “Per la mia Natasha

      1. I problemi legati all’alimentazione hanno a che fare con la sfera emotiva,affettiva. Natasha è molto amata dai suoi genitori, quindi non è un problema affettivo “oggettivo” o tangibile il suo, ma è la sua percezione ad essere alterata. Percezione di sé nel mondo e percezione del mondo stesso. Non volevo fare della psicologia spicciola e spero di non aver urtato la sensibilità di qualcuno.

        Liked by 1 persona

      2. sì questo lo avevo intuito però di solito questi disturbi si sviluppano con lo sviluppo sessuale e i problemi legati all’accettazione e quindi all’essere conforme ad un modello…

        a 10 è presto (o dovrebbe esserlo) per questo mi sono stranito

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...